Premio Nazionale di Cultura "Benedetto Croce"

Si è svolto a Pescasseroli, paese natale di Benedetto Croce, l’evento conclusivo del progetto Hackathon ( #benedettocrocereadHACK), finanziato dal Ministero dell’Istruzione e dedicato alla Comunicazione Digitale per implementare la promozione del Premio Nazionale di Cultura B. Croce.

L'Istituto di Istruzione Superiore Galileo Galilei di Avezzano, sede di Giurie popolari del Premio a partire dal 2013, con il sostegno del Comune di Pescasseroli, ha ospitato la manifestazione nelle tre giornate dal 5 al 7 maggio, dopo il rinvio dell'edizione 2019 a causa dell'emergenza Covid.

Cinque gruppi composti da sette ragazzi ciascuno, ognuno contraddistinto dal nome di un animale del Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise (Orso marsicano, Aquila reale, Camoscio appenninico, Capriolo, Lupo appenninico) hanno ideato e proposto soluzioni di grande contenuto volto ad una più moderna visione e promozione dell’evento Premio
Croce.

La giuria ha indicato per il primo Premio  “Il Premio Benedetto Croce, dal presente al Futuro”, la Proposta del gruppo Aquila Reale a cui ha partecipato anche la nostra Giulia Ticchi insieme ad altri sei studenti provenienti, ciascuno, da altre scuole della Regione.

Primo premio: libro fotografico realizzato dal PNALM, illustrativo del progetto “Faggete Vetuste”, riconosciuto patrimonio Unesco.

Durante i tre giorni Giulia, accompagnata dalla prof.ssa Valentina Nardi, ha potuto visitare  Palazzo Sipari, gestito dalla Fondazione Erminio e Zel Sipari, il centro visite del PNALM, la mostra sul centenario, ospitata presso le Scuderie di palazzo Sipari e assistere alle tre serate di canto e recitazione dedicati ad aspetti di musica popolare e poesie sulla bellezza.

Premio Benedetto Croce

Ultima modifica il 14-07-2022